18 agosto 2018
WMOF

“Le famiglie cristiane sono un annuncio vivente”

L’intervista della sottosegretaria Ghisoni a Vatican News

“Se facciamo memoria e rinnoviamo la consapevolezza di quel che significa l’alleanza tra un uomo e una donna nel matrimonio, come anche dei doni, dei frutti, dei benefici che questo comporta per i figli e per la famiglia; se viviamo in maniera genuina, nel quotidiano, la nostra vocazione ad essere famiglia fondata nell’amore, siamo un annuncio vivente, senza troppe parole”. L’ha dichiarato Linda Ghisoni, sottosegretario del Dicastero, in una intervista rilasciata a Vatican News alla vigilia della partenza verso Dublino per l’Incontro mondiale delle Famiglie.

“A fronte di un contesto sociale sempre più secolarizzato e indifferente al dato religioso e alla fede – ha detto – come laici credenti siamo chiamati a compiere fatti, al di là delle parole, a vivere e incarnare la nostra vocazione cristiana in maniera coerente con il Battesimo, nella certezza che il Signore ci precede, ci sostiene e completa il nostro agire come cristiani. Questa attitudine – ha concluso – rende i cristiani un annuncio vivente, li rende missionari credibili nei loro ambienti di vita quotidiani, li rende efficaci nell’annunciare che il Vangelo vissuto in famiglia è un segreto di bellezza, di bene e di gioia per tutti, per la Chiesa e per la società”.