18 maggio 2018
Il commento

Giovani e fede, un cammino possibile

Renato Cursi e p. Fabio Attard raccontano l’esperienza salesiana alla luce del Sinodo e nell’orizzonte di una “connessione” autentica con i ragazzi

“La religione e in particolare il cristianesimo versa in grave condizioni di salute. Con alcune eccezioni degne di nota, i giovani adulti non si identificano sempre più o praticano la religione. […] La religione sta morendo e l’Europa sta diventando una terra senza Dio”. Così si leggeva qulche giorno fa sul Sole 24 Ore in un articolo sul nuovo rapporto curato da Stephen Bullivant, professore di teologia e sociologia della religione alla St Mary’s University di Londra.

A fronte di questa notizia, abbiamo chiesto a padre Fabio Attard, consigliere generale per la pastorale giovanile dei Salesiani, e Renato Cursi, del Dipartimento di pastorale giovanile, di commentare il rapporto con una nota, che potete leggere integralmente in allegato.