11 novembre 2018
Da Humanae Vitae in poi

Sul cammino di evangelizzazione dell’amore umano

Il messaggio del prefetto Farrell al congresso promosso da Africa Family Life Foundation

“La nostra prospettiva deve essere quella di Cristo e della sua amorevole preoccupazione per ciascuno, il nostro linguaggio quello dello Spirito Santo, che ci spinge verso gli altri, non con le parole ma con la semplicità e il richiamo alle loro vite, ai loro bisogni e alla loro cultura”. Così il prefetto Kevin Farrell si è espresso nel suo messaggio ai partecipanti del quarto Congresso della “Africa Family Life Federation” in corso a Mauritius, in Sud Africa, sul tema “Dall’Humanae Vitae all’Amoris Laetitia: l’evangelizzazione dell’amore umano”. A leggere oggi il messaggio del prefetto, e a partecipare all’appuntamento per conto del Dicastero, è stato l’officiale monsignor Patrick Dubois.

“Nel proporre gli insegnamenti della Chiesa, dall’Humanae Vitae all’Amoris Letitia, siamo invitati da Papa Francesco a servire il prossimo come fece Gesù Cristo stesso nella sua vita terrena”, ha scritto il prefetto. “Saldando la visione a questi due documenti, le coppie sposate possono indirizzare i programmi di cura pastorale in modo da abbracciare la chiara evoluzione dell’insegnamento della Chiesa presente nell’esortazione apostolica Familiaris Consortio, nelle catechesi di San Giovanni Paolo II sulla teologia del corpo, nell’invito dell’istruzione Donum Vitae a una considerazione informata e autentica verso la procreazione e la vita umana, nell’enciclica Evangelium Vitae sulla meraviglia della vita umana e infine sulla chiamata della famiglia a insegnare il rispetto della vita e della “nostra casa comune”, nell’enciclica di Papa Francesco “Laudato si’”.