08 marzo 2022
Donne

Donne che hanno messo in atto uno stile femminile di santità

Il saluto della prof.ssa Gabriella Gambino al Convegno all'Urbaniana e il Messaggio di papa Francesco ai partecipanti
Sante Dottori.jpg

 

Nei giorni 7 e 8 marzo del 2022, l’Università Cattolica di Ávila (UCAV), in collaborazione con la Pontificia Università Urbaniana e l’Istituto di Studi Superiori sulla Donna del Pontificio Ateneo Regina Apostolorum a Roma, ha organizzato un Convegno Internazionale Interuniversitario sulle Donne Dottori della Chiesa e sulle Patrone d’Europa: Teresa di Gesù, Teresa di Lisieux, Ildegarda di Bingen, Brigida di Svezia, Caterina da Siena e Teresa Benedetta della Croce. I proventi dell’evento saranno devoluti a tre istituzioni di rito latino, greco-melchita e maronita per l’alfabetizzazione delle bambine in Libano.

La prof.ssa Gabriella Gambino, Sottosegretario del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, ha dato inizio all’incontro rivolgendo un saluto introduttivo ai partecipanti. Nella gioia di aver contribuito alla realizzazione del convegno, Gambino ha spiegato che uno degli obiettivi dell’incontro è quello di “raccogliere l’eredità ancora feconda di queste straordinarie donne della Chiesa, che pur essendo vissute in epoche molto diverse, continuano ad irrigare il mondo con i doni dello Spirito divino e in maniera sorprendente hanno molto da suggerire e rivelare alle donne e agli uomini del nostro tempo”.

Donne che, attraverso l’amore intimo e profondo a Cristo e l’operosa azione a servizio della Chiesa e nella società, hanno saputo legare la terra al Cielo.

Una santità dal volto femminile, manifestatasi nella “perenne autorità della loro dottrina, che si estende oltre i confini della Chiesa cattolica” e che si espresse in circostanze storiche e contesti geografici che le rendono, specialmente oggi, figure determinanti per il Continente europeo: per ispirare i giovani, affinché sappiano rendere fecondo il dialogo nella Chiesa e con il mondo per costruire una cultura e un’etica dell’unità e della pace.

Papa Francesco, in chiusura, ha inviato un Messaggio ai partecipanti in presenza e collegati on-line. Nel suo saluto, il Santo Padre ha esortato tutti a promuovere questa ‘santità femminile’ che rende feconda la Chiesa ed il mondo”, sottolineando che “l’eminente dottrina di queste sante, per la quale sono state dichiarate Dottori della Chiesa o Patrone, acquisisce in questi tempi un nuovo protagonismo per la loro permanenza, profondità e opportunità e offre luce e speranza al nostro mondo, nelle attuali circostanze, così frammentato e carente di armonia”.

Mujeres Doctoras de la Iglesia 2022