10 febbraio 2017
Matrimoni feriti

La cura per ritrovarsi

"Retrouvaille": anche in Italia il divorzio non è una soluzione

Curare le ferite per scongiurare il divorzio. È questo l’obiettivo di “Retrouvaille”, associazione che, fin dal nome, chiarisce la sua mission: ritrovarsi, e non come una semplice terapia di coppia al termine della quale scegliere tra il divorzio e il rafforzamento dell’unità familiare come due opzioni equivalenti, ma un interessamento umano a rimuovere quegli ostacoli che non fanno stare bene la coppia e che la legislazione sul divorzio non contempla affatto.

Il servizio, offerto a coppie con problemi di relazione, in procinto di separarsi, già separate o che intendano ricostruire la loro relazione, vanta una percentuale di successo pari al 70% e spesso lavora in appoggio alle diocesi: “Il programma Retrouvaille – affermano i responsabili – aiuta a scoprire come il processo di ascolto, perdono, comunicazione e dialogo sono strumenti potenti nella riconciliazione tra gli sposi e per recuperare un rapporto di coppia duraturo, anche dopo il tradimento e la separazione”.

Retrouvaille, così, “offre la possibilità di ritrovare una vita di fede proponendo e valorizzando il sacramento del matrimonio vissuto dentro una comunità cristiana dove conta essere parte di un gruppo di sostegno formato da coppie che credono al valore del matrimonio e la preghiera”. In un mondo entrato nel tunnel dell’assuefazione alla solitudine, esperienze come queste aiutano a comprendere che anche la famiglia, come un organo del corpo, ha bisogno di essere custodita e preservata. E, se si ammala, si può e si deve curare.

Per saperne di più: http://www.retrouvaille.it/