18 settembre 2017
Accademia per la Vita

Tecnologia e bioetica, tra impegno e nuove responsabilità

Il 5 e 6 ottobre un workshop per delineare l’impatto della tecnologia sulla vita umana
Workshop Accademia Pro Vita 400x225.jpg

“Delineare l’impatto della tecnologia sulla vita umana dall’inizio alla fine, presentandone gli aspetti antropologici legati alla genitorialità e quelli culturali propri della civiltà dell’efficienza”, approfondendo “i rapporti tra tecnologia, giustizia e risorse economiche” ed “evidenziando le questioni etiche”. Sono questi gli obiettivi del workshop promosso dalla Pontificia Accademia per la Vita il 5 e 6 ottobre nella Nuova Aula del Sinodo sul tema “Accompagnare la Vita. Nuove responsabilità nell’era tecnologica”.

A introdurre i lavori, giovedì 5, sarà il presidente dell’Accademia, monsignor Vincenzo Paglia, con una relazione sul tema “Ripensare la vita nell’era della tecnologia”. Poi, via alle sessioni di lavoro: per la prima, intitolata “L’uomo sperimentale. Riproduzione, fabbricazione, generazione”, si confronteranno Adriano Pessina, Roberto dell’Oro e Graciela Moya; la seconda verterà su “Genitorialità, filiazione, corporeità” e ne discuteranno  Helen Watt  insieme a Chiara Giaccardi e Carter O. Snead.

“Tra mito della prestazione e cultura dello scarto” sarà il tema di apertura di venerdì 6 ottobre: ne parleranno Henk Ten Have, Alberto Bochatey e Ana Borovecki, mentre su “La tecnologia a servizio della giustizia” relazioneranno Marcio Fabri, Jackes Simpore e Stefano Semplici. La quarta sessione verterà su come “Accompagnare la vita nel passaggio della morte” e in merito interverranno Katheleen M. Foley, Tomi Thomas e Konstantinos Kornarakis.

Ogni sessione sarà tradotta in inglese, francese, spagnolo e italiano. È possibile iscriversi entro il 29 settembre seguendo la procedura sul sito web della Pontificia Accademia per la Vita.