29 maggio 2018
Associazioni e movimenti

Claire Amitié in visita al Dicastero

Approvate le modifiche agli statuti dell’associazione che sostiene le donne vulnerabili

Qualche giorno fa il prefetto Kevin Farrell, in presenza della sottosegretaria Linda Ghisoni, ha consegnato (nella foto a lato) a Marie Ange Bellance, presidente di Claire Amitié, il decreto di approvazione di alcune modifiche apportate agli statuti dell’associazione, originalmente approvati dal Pontificio Consiglio per i Laici nel 1993.

La presidente era accompagnata da altri membri del consiglio dell’associazione, che da oltre 50 anni si occupa dell’accompagnamento e dell’educazione di giovani donne, in particolare di quelle che vivono situazioni di vulnerabilità. I suoi membri sono impegnati in varie apostolati in Francia, Asia, Africa e America Latina.    

Un’altra associazione, Militia Christi, ha fatto visita qualche giorno fa al Dicastero per presentare il suo rapporto triennale. L’associazione, fondata su richiesta di San Domenico nel XIII secolo, raduna uomini e donne da 8 paesi diversi, al servizio dell'annuncio di Cristo nella verità, la carità e la preghiera, secondo lo spirito domenicano.

Gli oltre 40 membri del consiglio internazionale confluiti a Roma (nella foto sottostante) provenivano da Belgio, Italia, Spagna, Francia, Libano, Togo e Benin.

 

Militia Christi