06 settembre 2018
L'Osservatore Romano

Scaraffia, “una grande novità nella vita della Chiesa”

Un numero speciale di Donne-Chiesa-Mondo dedicato ai 50 anni dell’Humanae Vitae

È dedicato ai 50 anni dell’Enciclica Humanae Vitae il numero di settembre di “Donne Chiesa Mondo”, il mensile de L’Osservatore Romano.

Per la prima volta, sottolinea Lucetta Scaraffia nell’editoriale di apertura, “un documento della Chiesa viene accolto diversamente dalle donne che dagli uomini” e, a questa differenza, “si aggiunge quella fra occidente e terzo mondo”. Infatti, “mentre i paesi avanzati sono ossessionati dalla ‘bomba demografica’ e le donne cominciano a intravvedere nella pillola la loro liberazione, nel sud del mondo il controllo demografico si presenta nelle vesti non molto liberali delle sterilizzazioni forzate”.

“L’enciclica Humanae Vitae ha segnato una grande novità nella vita della Chiesa: è la prima volta che un documento pontificio viene seguito e commentato dalla stampa mondiale con tanta attenzione e spirito critico — trapelano perfino anticipazioni e previsioni fin dai mesi precedenti — ed è la prima volta che il Papa è oggetto di vignette umoristiche e soprattutto che il mondo cattolico si divide pubblicamente, clero compreso, nella ricezione del documento. Ma è anche la prima volta che si alza qualche voce femminile a commentare l’enciclica in modo diverso dagli uomini”, scrive la storica.