27 giugno 2019
IMF Roma 2021

Un accordo per l’Incontro mondiale delle famiglie

Avviata l’organizzazione dell’evento che si svolgerà a Roma tra due anni, dal 23 al 27 giugno

Tra i compiti più impegnativi di tutta l’organizzazione dell’Incontro mondiale delle famiglie, che giungerà nel 2021 alla X edizione, ci sarà senza dubbio l’accoglienza delle numerose famiglie che parteciperanno non solo ai momenti centrali delle celebrazioni con il Santo Padre, ma anche al Congresso teologico-pastorale, un evento che normalmente coinvolge migliaia di persone e che precede il Festival delle famiglie e la Celebrazione eucaristica finale. Anche l’organizzazione stessa del Convegno richiederà un grande impegno, sia per gli aspetti logistici che per quelli che riguarderanno il programma e i suoi contenuti. Il Congresso, infatti, si svolgerà secondo una modalità mista, con sessioni tematiche in sedi dislocate e sessioni plenarie in luoghi che potranno contenere tutti i partecipanti. Una sfida che il Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita e la Diocesi di Roma si sono impegnate ad affrontare insieme con un accordo firmato lunedì scorso, 24 giugno, dal Vicario del Papa per la Diocesi di Roma, il card. Angelo De Donatis, e il Prefetto del Dicastero, il card. Kevin Farrell.

 

Con questo atto ufficiale, inizia di fatto l’organizzazione dell’evento, il cui tema vuole mettere in risalto l’amore familiare come vocazione e via di santità. Il matrimonio cristiano, con la grazia concessa dal sacramento, e la famiglia sono infatti luogo privilegiato per vivere in maniera concreta il comandamento evangelico dell’amore, manifestano il valore delle relazioni nella condivisione di gioie e fatiche della vita quotidiana, e sono un aiuto determinante per l’incontro con Dio.