19 maggio 2020
Sport

Ritorno al futuro

Un’opportunità per la giusta ripartenza

Una crisi che non diventa un’opportunità è un’occasione persa. Così la Fondazione Giovanni Paolo II per lo sport, insieme all’Ufficio per la pastorale del Tempo Libero, il Turismo e lo Sport della Conferenza Episcopale Italiana, hanno organizzato, dal 27 aprile al 7 maggio, una serie di incontri dal titolo “Sport: ritorno al futuro”. Al centro di tale appuntamento, svoltosi in modalità webinar, con la partecipazione di una cinquantina di esperti del mondo dello sport, è stata posta la riflessione sullo sport dopo la pandemia da Covid-19, ossia sullo sport nella nuova epoca in cui il Coronavirus ci ha proiettato con inopinata rapidità.

Si è cercato, come ha dichiarato Daniele Pasquini, presidente della Fondazione Giovanni Paolo II per lo sport, di avviare una riflessione che possa aiutare a leggere i segni e le tendenze del prossimo futuro e che aiuti a cercare nuove categorie e nuove gerarchie valoriali, in grado di orientare le scelte che il mondo dello sport sarà chiamato a compiere, per inaugurare "vino nuovo in otri nuovi".

A questi incontri, copatrocinati dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, hanno partecipato la dott.ssa Linda Ghisoni, sotto-segretario del Dicastero, don Giovanni Buontempo, officiale incaricato per i rapporti con i movimenti, e Santiago Pérez de Camino, responsabile dell’Ufficio Chiesa e Sport del Dicastero. Nel suo intervento, la dott.ssa Ghisoni ha insistito sulla sfida da cogliere da questa pandemia, facendo in modo che il mondo dello sport ingrani una marcia in più e si possa, con l’aiuto di incontri come questi, sollecitare un approccio nuovo rispetto allo sport, lasciando da parte una ricerca egoistica del proprio successo ed eliminando la violenza dentro e fuori il terreno di gioco. "Auspichiamo - così la dott.ssa Ghisoni - che dopo questa pandemia il mondo dello sport, come tutta la società, sia maggiormente disponibile a riflettere sulle certezze in cui ciascuno ripone la propria fiducia". Ha inoltre ribadito l’importanza di avvalersi del recente documento "Dare il meglio di sé" come guida pratica efficace per questo nuovo periodo.

Don Giovanni Buontempo ha proposto una riflessione a partire dalle Beatitudini, evidenziando come lo sport spesso abbia perso di vista la felicità dell’uomo, e suggerendo come esso possa veicolare la felicità nelle persone, fino a una felicità piena, che è Dio.

Santiago Pérez de Camino nella giornata finale ha moderato la tavola rotonda sottolineando le tre idee che racchiudono l’obiettivo di questo seminario: integrazione, sostenibilità e formazione: sono quelle che saranno ulteriormente approfondite nei prossimi mesi per giungere a delineare una nuova progettualità educativa per il mondo dello sport.

Numerosi esperti del mondo educativo, religioso e sportivo in Italia hanno preso parte a questi incontri, tra cui il Cardinale Gianfranco Ravasi, il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, il presidente del CONI, Giovanni Malagò, Giampaolo Montali, direttore generale della Ryder Cup 2022.

Gli atti multimediali dell’intero ciclo di conferenze sono disponibili al seguente link: Atti multimediali "Lo sport: ritorno al futuro".