31 marzo 2021
Protezione minori

Una missione per le donne. La prevenzione degli abusi nella famiglia e nelle scuole

La sottosegretaria Ghisoni invitata alla presentazione dei volumi del UMOFC
Ghisoni_WUCWO_290321.jpeg

In occasione dell'inizio dell'Anno “Famiglia Amoris Laetitia” e in preparazione al Triduo Pasquale, l'Unione Mondiale delle Organizzazioni Femminili Cattoliche (UMOFC) ha tenuto tre webinar (in inglese, spagnolo e francese) per diffondere i metodi per prevenire gli abusi nei membri più vulnerabili della famiglia: i bambini e gli adolescenti.

Per questo volume, la Prof.ssa Linda Ghisoni, sottosegretario per i Laici, ha scritto la prefazione e ha preso parte alla presentazione del libro con un saluto nel quale ha rinnovato l’impegno della Santa Sede e in particolare di questo Dicastero nella prevenzione e la formazione contro gli abusi.

Nella presentazione la dott.ssa Ghisoni ha voluto ricordare come la pandemia ha reso “ancor più difficile accompagnare e tutelare le persone più fragili: l’accesso allo studio per tanti bambini e ragazzi in contesti di povertà è stato compromesso; bambini, donne, disabili, chiusi in casa, in un isolamento maggiore del solito, spesso sono stati più esposti a solitudine e violenza”.

Inoltre ha ricordato come questo volume viene pubblicato in un momento molto delicato ma, allo stesso tempo provvidenziale, perché si inserisce nell’Anno “Famiglia Amoris Laetitia” appena inaugurato, come passo concreto che l’UMOFC compie per mostrare che la Chiesa è con le famiglie e si impegna concretamente, come dice papa Francesco nel messaggio d’inaugurazione “a fare il cammino con loro; a entrare nelle case con discrezione e con amore”, a dire alle famiglie “il Signore vi è vicino, vogliamo aiutarvi a custodire il dono che avete ricevuto”.

Infine, la dott.ssa Ghisoni ha sottolineato che questi incontri, che si tengono proprio nella Settimana Santa, “mostrano la sollecitudine amorevole tipica delle donne che, come ho avuto modo di scrivere nella prefazione ai volumi, «nel silenzio del sabato santo, si dedicano a preparare gli oli preziosi, conservati per ungere il corpo del Signore trapuntato di piaghe, quel corpo di Cristo che è la Chiesa, per ungerne le ferite, ancora visibili, ma rese gloriose dal Risorto»”.