26 luglio 2022
Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani

La celebrazione della II Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani

Una festa larga come il mondo
20220719CartelAbuelos-Destacada.jpg

 

Giunta alla sua seconda edizione, la Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani, inizia a contrassegnare la vita di moltissime diocesi in ogni parte del mondo.

Oltre alla celebrazione vaticana, presieduta nella basilica di San Pietro dal card. Angelo De Donatis su incarico di papa Francesco, sono giunte al Dicastero notizie di eventi, liturgie ed iniziative dai quattro angoli del pianeta. Ne riportiamo solo alcune, per dare una panoramica di quanto si è fatto e di quanto si potrà fare nelle prossime edizioni.

In America Latina sono state numerosissime le associazioni, le diocesi e le conferenze episcopali che – in maniera differente – hanno celebrato il 24 luglio. In Messico, ad esempio, nella diocesi di Monterrey sono state realizzate visite agli anziani più soli, in Cile la Caritas ha organizzato numerosi incontri. In Uruguay è stata realizzato un podcast disponibile su Spotify con i testi del messaggio e delle catechesi sugli anziani del Santo Padre. In Argentina, il vescovo incaricato della pastorale degli anziani ha realizzato un video messaggio per l'occasione mentre alcune squadre di calcio – su iniziativa di Scholas Occurrentes e della locale federazione calcistica -  sono entrate in campo con uno striscione che invitava ad andare a visitare gli anziani. In Brasile, decine di migliaia di volontari della Pastoral da Pessoa Idosa hanno visitato gli anziani più soli e consegnato loro il messaggio del Papa. In Paraguay, in occasione di questo evento, è stata inaugurata l'attività della pastorale degli anziani. Numerose sono state le iniziative realizzate anche in tutti gli altri paesi del subcontinente.

Dall'Asia, ci sono giunte notizie in particolare dall'India dove giovani legati alla conferenza episcopale hanno effettuato visite agli anziani più soli e condiviso numerosi video sui social network. Nelle settimane precedenti alla Giornata, poi, alcune diocesi del Myanmar hanno celebrato i nonni e gli anziani con differenti iniziative.

In Europa – dove in molte cattedrali sono state celebrate liturgie in occasione della Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani – la celebrazione ha coinciso, in molti paesi, con una eccezionale ondata di caldo. Per gli anziani, le temperature così elevate, insieme alla solitudine che molti sperimentano sono un serio rischio e, per questo motivo, in molti hanno scelto di celebrare il 24 luglio recandosi in visita a chi era più solo. In Spagna, la Giornata è stata un'occasione per riflettere sul recente documento della conferenza episcopale sulla pastorale della terza età. In Irlanda, la Catholic Grandparents Association ha organizzato un pellegrinaggio speciale al santuario mariano di Knock.

In Africa, la Giornata è stata l'occasione per mettere gli anziani al centro della preoccupazione pastorale di molte diocesi. In quella di Gulu, nel nord dell'Uganda sono stati organizzati da Ascending Life alcuni giorni di riflessione culminati nella celebrazione del 24 luglio. In Kenya, i vescovi hanno invitato a partecipare alle messe celebrate per l'occasione ed a fare degli anziani una preoccupazione costante nella vita delle comunità cristiane.

Come ha detto il card. De Donatis, Vicario del Santo Padre per la diocesi di Roma, nell'omelia della celebrazione vaticana: "Il primo pensiero è per Papa Francesco – in viaggio verso il Canada – che ha voluto questo giorno per voi, anziani e anziane perché, con le vostre famiglie e con la Chiesa, possiate sentire l’affetto e il sostegno di tutti". Il sostegno e l'affetto sono giunti e, insieme, si è svolta una festa larga ed estesa in tutto il mondo.