18 marzo 2021
Anno Famiglia Amoris Laetitia

Il disegno di Dio sulla famiglia è fonte di gioia e di speranza

Conferenza stampa di presentazione dell'Anno Famiglia Amoris Laetitia
gambino1.jpeg

Si è tenuta oggi presso la Sala Stampa della Santa Sede la conferenza stampa in occasione dell'inizio dell'Anno Famiglia Amoris Laetitia che inizierà domani 19 marzo, solennità di San Giuseppe e quinto anniversario della pubblicazione dell'esortazione apostolica.

Il card. Farrell, ha esordito affermando che "presentare al mondo il disegno di Dio sulla famiglia è fonte di gioia e di speranza; è davvero una buona notizia!"

Il Prefetto ha poi parlato della necessità di collaborazione. "Anche nell’ambito della pastorale familiare la Chiesa deve imparare a condividere le esperienze che nel corso degli anni si sono mostrate fruttuose e sono riuscite a portare l’annuncio del Vangelo nella vita degli sposi e delle famiglie".

Il secondo tratto del rinnovamento della pastorale familiare è quello di iniziare – così come raccomanda Amoris Laetitia -  a considerare le famiglie come soggetto e non solo come oggetto dell'azione della Chiesa.

Infine, il card. Farrell ha posto l'accento sull'urgenza di dedicare un'attenzione rinnovata alla formazione dei formatori.

La prof.ssa Gambino, sotto-segretario del Dicastero, introducendo le attività dell'Anno Famiglia Amoris Laetitia ha spiegato che esso non "è la mera commemorazione di un testo scritto, ma l’opportunità concreta per dare un rinnovato impulso alla sua applicazione pastorale". Ha poi parlato delle numerose iniziative che lo caratterizzeranno come la pubblicazione di dieci video sui singoli capitoli dell'esortazione nei quali dieci famiglie "insieme al Papa racconteranno come vivono quegli aspetti della vita familiare di cui parla il Papa in Amoris Laetitia."

Nell'ultimo intervento della conferenza stampa, il dott. Leonardo Nepi, officiale del Dicastero, insieme alla moglie Valentina, hanno spiegato come l'anno che inizia è un'opportunità da cogliere per la vita di ogni coppia: "è anzitutto un tempo propizio per coltivare buone relazioni coniugali e familiari".