13 settembre 2017
Famiglie in Brasile

“Proponiamo convinti la bellezza del progetto di Dio per la famiglia”

Il Segretario del Dicastero padre Awi Mello scrive ai partecipanti al XV Congresso di pastorale familiare delle diocesi brasiliane

“Desidero di cuore che continuiate, convinti e senza scoraggiarvi, a proporre la bellezza del progetto di Dio per la famiglia, e insieme ad affrontare con coraggio le sue grandi sfide”.

Così padre Alexandre Awi Mello – appena entrato in carica nelle sue funzioni di Segretario del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita – si è indirizzato ai partecipanti al XV Congresso Nazionale di Pastorale Familiare, organizzato dalla Conferenza dei Vescovi brasiliani a Cuiabá, capitale del Mato Grosso. Circa un migliaio di operatori di pastorale familiare da tutto il Brasile si sono riuniti dall’8 al 10 settembre scorso per un tempo di comunione, formazione e confronto.

“Sappiamo che il Papa ci chiede di realizzare una pastorale familiare attenta ad accompagnare le persone e le famiglie concrete – ha scritto il Segretario del Dicastero nel messaggio inviato ai partecipanti per l’occasione – e ci ricorda che questo accompagnamento non significa imporre obblighi in modo autoritario, quanto piuttosto a educare a una libertà responsabile: «Siamo chiamati a formare le coscienze, non a pretendere di sostituirle» (AL 37)”.

Il Congresso ha sviluppato il tema “Famiglia, una luce per la vita nella società”, ed ha affrontato tematiche di pastorale pre-matrimoniale, post-matrimoniale e “casi speciali”. Le adozioni, la dimensione missionaria della famiglia, gli anziani, la collaborazione tra la Pastorale della Famiglia e i tribunali ecclesiastici sono alcuni degli argomenti approfonditi.

“La famiglia oggi è senza dubbio una luce per la vita nella società e uno dei campi privilegiati e urgenti della missione della Chiesa al presente – si legge ancora nel messaggio –. L’esortazione apostolica Amoris Laetitia ci offre alcune piste di azione. Indica come priorità una pastorale prematrimoniale e matrimoniale del vincolo, dove gli elementi che si apportano aiutano l’amore a maturare e a superare i momenti di crisi (cfr. AL 211). Il Papa ci ha ricordato che non dobbiamo rinunciare a proporre l’ideale pieno del matrimonio, facendo uno sforzo per consolidare i matrimoni e prevenire le rotture (cfr. AL 307), ma anche a frequentare con misericordia quelle situazioni in cui questo ideale non può (o non può più) essere pienamente realizzato”.

P. Awi Mello ha infine esortato i partecipanti al Congresso a partecipare all’XI Incontro mondiale delle famiglie che si terrà in Irlanda nell’agosto del 2018 e la cui preparazione è ormai entrata nel vivo, con una collaborazione fruttuosa tra l’arcidiocesi di Dublino e il Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita.

Da figlio della terra brasiliana, il Segretario del Dicastero chiude il messaggio dicendosi certo che in quelle Chiese locali c’è molto da imparare, ma che “possiamo essere orgogliosi del cammino fatto finora e possiamo condividerlo con gioia”.

Il Convegno, insieme all’approfondimento pastorale sul cammino della famiglia nella Chiesa e nella società attuale, ha visto svolgersi celebrazioni eucaristiche, momenti di preghiera, rappresentazioni teatrali, momenti culturali e testimonianze.