18 maggio 2021
Famiglia e giustizia alimentare

Educazione, l’investimento più redditizio

L’intervento del Sotto-Segretario Ghisoni al webinar “Cibo per la vita: il ruolo delle donne nella promozione dello sviluppo umano integrale”
FoodforJustice.web.jpg

 

La famiglia, e soprattutto la donna, come fattore di cambiamento per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile, in particolare l’abbattimento della fame nel mondo. Su questo tema è intervenuta Linda Ghisoni, Sotto-Segretario del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, partecipando al webinar “Cibo per la Vita: il ruolo delle donne nella promozione dello sviluppo umano integrale” di lunedì 17 maggio.

Il webinar è il primo di una serie organizzata da Segreteria di Stato, Missione Permanente della Santa Sede presso FAO, l’IFAD e PAM, Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale e Commissione Vaticana COVID-19, un ciclo di tre seminari che tratterà il tema “Cibo per la Vita, Giustizia Alimentare, Cibo per Tutti”.

Per obiettivi tanto ambiziosi è necessario investire nell’educazione delle nuove generazioni, ed è su questo fronte che il Sotto-Segretario ha insistito nel suo contributo: permettere alle famiglie, e alle donne in particolare, di essere per i figli promotrici di formazione e maturazione personale, di crescita umana integrale. È la famiglia, ricorda papa Francesco, il luogo dell’impegno educativo paziente e perseverante che dà valore a quegli atteggiamenti e a quei comportamenti che creano mentalità nuove e cultura nuova riguardo al rispetto dell’ambiente e, quindi, allo sfruttamento delle sue risorse (cfr. Amoris Laetitia, nn. 264-265).

La serie di webinar vuole essere il contributo della Santa Sede alla preparazione del Vertice delle Nazioni Unite sui sistemi alimentari, e in particolare al pre-Vertice che si terrà a Roma dal 19 al 21 luglio prossimo, e si concentrerà sulle leve di cambiamento identificate dal suddetto Vertice: donne, finanza, diritti umani ed innovazioni. I tre incontri online saranno uno scambio di esperienze volte a condividere la narrativa della Santa Sede sul tema della giustizia alimentare e della ripresa post-Covid e saranno registrati come dialoghi indipendenti nell’ambito dei Dialoghi sui Sistemi Alimentari delle Nazioni Unite.