10 settembre 2021
Sport

"Tutto è collegato": sport ed ecologia per un incontro con Dio

Il responsabile dell'Ufficio Chiesa e Sport a "Tout est lié", la rivista online della CEF, in occasione del "Tempo del Creato 2021"
almost there-IMGP0789.JPG

Lo scorso agosto, la rivista della Conferenza Episcopale Francese (CEF) Tout est lié ha pubblicato un'intervista a Santiago Pérez de Camino, responsabile dell'Ufficio Chiesa e Sport del Dicastero. Nell'intervista, Pérez de Camino ha esplorato la stretta relazione tra sport, natura e Creato e come lo sport contribuisca a favorire non solo l'equilibrio fisico e mentale delle persone che lo praticano, ma anche dell’ambiente che le circonda. Lo sport, inoltre, si rivela essere uno strumento unico per trasmettere la fede e i valori cristiani, nelle occasioni in cui la bellezza dell'ambiente circostante ci invita all'incontro con Dio.

"Papa Francesco nella Laudato si' sostiene che l'ecologia non è esclusivamente una questione ambientale legata alla conservazione del Creato, ma è essenzialmente una questione antropologica e culturale. In questo senso, la pratica dello sport è radicata in questa ecologia integrale come elemento che dà equilibrio a tutta la creazione. Agli albori dello sport, lo sport faceva la differenza tra il lavoro e il tempo libero ed era anche visto come un mezzo per educare le giovani generazioni. Nella situazione pandemica attuale, la necessità di recuperare il tempo libero si fa evidente. Oggi, abbiamo a che fare con un sovrapporsi di spazi e tempi nella vita, a causa della "con-fusione" di lavoro e tempo libero. Lo sport può contribuire a mettere ordine in questo mix, aiutando a creare spazi di rigenerazione, ricchi di vicinanza fisica, socializzazione, divertimento, ‘improduttività’, gratuità e significato. Stiamo vivendo una profonda crisi nel mondo dello sport. Più che mai, è necessario promuovere lo sport come strumento per recuperare il senso celebrativo del riposo, del tempo libero, del divertimento (nel senso etimologico di svago) e del gioco. Senza nulla togliere all'aspetto ambientale e al valore che la natura e la creazione hanno nella pratica di alcuni sport, a livello amatoriale o professionale, la vera sfida per un radicamento dello sport nell’ ecologia integrale si trova in questo".

Per leggere l'intervista completa in spagnolo o francese, clicca qui sotto.