23 giugno 2022
#WMOF22

#WMOF22: focus sulle realtà concrete delle famiglie

Il saluto di apertura del Card. Farrell e la prima giornata del Congresso teologico-pastorale
1_congresso pastorale.jpg

 

Con la celebrazione della Santa Messa di apertura, nella Basilica di San Pietro - presieduta dal card. Kevin Farrell, Prefetto del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita - è iniziato il secondo giorno del X Incontro Mondiale delle Famiglie. Nell’omelia il Prefetto ha voluto ricordare ai presenti la contemporanea missione di ogni famiglia, ispirata dall’esempio di San Giovanni Battista: «costruire ponti tra le generazioni; preservare la speranza nel futuro; essere custode della sacralità della vita; essere strumento di misericordia, profeta della fedeltà e della provvidenza di Dio e testimoniare Gesù nella vita».

L’approfondimento di questa riflessione iniziale si è svolto durante il primo giorno del Congresso Teologico Pastorale – la parte cruciale dell’Incontro delle Famiglie – iniziato dopo la Messa in Aula Paolo VI, in presenza di circa 2000 delegati. Dando il via ai lavori del Congresso, il Card. Farrell ha sottolineato che la scelta di «incontrarci in pochi, a causa delle limitazioni che ci sono state imposte dalla pandemia, non è un ritorno al passato. Grazie allo sviluppo dei media e dei mezzi di comunicazione digitale, ogni momento di questo congresso sarà seguito in streaming in tutto il mondo». Uno dei principali elementi di novità di questo incontro, infatti, è proprio la possibilità di seguire tutti i momenti attraverso il web e la radio. Sul sito ufficiale www.romefamily2022.com è disponibile la diretta streaming multilingue dell’evento, grazie a Vatican News, e i testi di tutti gli interventi pronunciati. La Radio Vaticana trasmette tutto l’evento in diretta,

«Alla luce di ciò che ascolteremo in questi giorni» - ha continuato Farrell - «chiediamoci: in quali ambiti e in che modo possiamo agire meglio insieme per rendere le famiglie consapevoli del ruolo che esse hanno nella Chiesa?».

Il Prefetto del Dicastero ha sottolineato che i temi al centro della discussione non sono stati scelti a partire da considerazioni teoriche, ma dall’ascolto delle situazioni concrete e delle sollecitazioni emerse durante gli incontri con i vescovi durante le visite ad limina degli ultimi anni.

La giornata è stata dedicata all’approfondimento del grande tema dell’amore familiare. Le conferenze principali che si sono susseguite hanno avuto per tema la sinodalità e la chiesa domestica e l’accompagnamento nei primi anni di matrimonio. I due panel che accompagnavano le conferenze hanno dato molto spazio all’ascolto di varie testimonianze che riguardavano proprio questi temi.