18 febbraio 2022
Iniziative accademiche

Il discernimento come cammino di vita cristiano

Il Sottosegretario Gambino apre il secondo appuntamento del ciclo di convegni “Amoris Laetitia”
Il discernimento.jpg

 

Venerdì 18 febbraio 2022 si è svolto il seminario di studio dal titolo Il discernimento: uno stile cristiano di vita, organizzato dal Pontificio Istituto Teologico “Giovanni Paolo II” e il Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita in collaborazione con la Diocesi di Roma.

L’iniziativa rientra nelle attività accademiche dell’Anno “Famiglia Amoris Laetitia” e fa parte di un ciclo di incontri di alto profilo accademico per approfondire e fornire spazi e tempi di riflessione su tre categorie centrali dell’Esortazione apostolica Amoris Laetitia: Comune, Discernimento, Tradizione.

Nel saluto di apertura, il Sottosegretario del Dicastero, la Prof.ssa Gabriella Gambino, ha condiviso alcune riflessioni sul tema centrale del seminario: il discernimento come cammino di vita cristiano.

Il discernimento è cruciale per un cristiano

 “Il discernimento – ha detto Gambino ai partecipanti in presenza e collegati sul canale Youtube dell’Istituto - è cruciale per ogni buon cristiano, ma ancor più per i giovani, che avranno in mano la Chiesa del futuro, e per le famiglie, nelle cui mani il Signore pone l’accoglienza e la cura di ogni nuova vita e delle vocazioni. Ora più che mai, visto che il Santo Padre ci ha già chiamati ad un nuovo cammino sinodale, che intende essere l’apice di un processo di ascolto e discernimento all’interno della Chiesa per essere tutti partecipi della missione in uno spirito di autentica comunione. Un cammino nello Spirito”.

Una vita nuova in Cristo, che trasforma i nostri piani

Soffermandosi sul discernimento familiare, il Sottosegretario ha aggiunto che “nelle situazioni difficili delle famiglie di oggi, il discernimento può farci comprendere la portata della vita nuova in Cristo, che trasforma i nostri piani, cambia le nostre decisioni e ci rende capaci di scelte che mai avremmo immaginato prima per ritornare ogni volta a Lui”.

Rivolgendosi, infine, ai formatori, Gambino ha lanciato un appello affinché i giovani, gli sposi, le famiglie vengano aiutati a leggere i segni di Dio nella loro vita. “Formiamoci per saperle accompagnare, quando la crisi è forte, ma anche quando le cose sembrano andare bene: è quello il momento perfetto per allenarsi al discernimento in famiglia nella vita di tutti i giorni. “Colui che chiede tutto dà anche tutto, e non vuole entrare in noi per mutilare o indebolire, ma per dare pienezza.” (GE 175).