23 marzo 2021
Anno Famiglia Amoris Laetitia

Il nostro amore quotidiano. Elaborare proposte concrete per la famiglia e il matrimonio

Il saluto del Card. Farrell in occasione dell'apertura dell'Anno “Famiglia Amoris Laetitia”
ilnostroamorequotidiano.jpg

“L’Anno “Famiglia Amoris Laetitia” è l’occasione per approfondire e meditare i contenuti dell’Esortazione apostolica sull’amore nella famiglia e per rilanciare il nostro impegno in tutti gli ambiti della pastorale familiare, che coinvolgono tanti altri settori della vita ecclesiale, cercando di raggiungere le realtà ecclesiali e le famiglie in ogni parte del mondo. Per raccogliere i frutti di questo nostro cammino abbiamo coinvolto vescovi, operatori pastorali, famiglie e sacerdoti nel corso di due Sinodi, ma soprattutto abbiamo affidato la custodia di questo Anno che il Santo Padre ha voluto offrire a tutta la Chiesa a San Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria, Patrono della Chiesa universale e custode della Santa Famiglia.” Con queste parole, il Card. Kevin Farrell, Prefetto del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita ha salutato i partecipanti al convegno “Il nostro amore quotidiano”, l’evento online organizzato il 19 marzo dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, la Diocesi di Roma e il Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II per aprire l’Anno “Famiglia Amoris Laetitia” proprio nel giorno della Solennità di San Giuseppe.

Il Card. Farrell nel suo intervento ha sottolineato come questo cammino ha consentito – mantenendo saldi i principi e i valori fondamentali della famiglia cristiana – di elaborare proposte concrete per promuovere la famiglia e il matrimonio oggi, in un contesto sociale e culturale che cambia rapidamente e che richiede nuovi adattamenti e nuovo impegno da parte della Chiesa. “A tutte le comunità e le Chiese locali” – ha concluso Il Card. Farrell – “rivolgo l’invito ad attivarsi, per mettere a frutto le riflessioni e le indicazioni di Amoris Laetitia con quello spirito di apertura e di vicinanza alle persone che Papa Francesco ci chiede.”