17 febbraio 2017
Costa Rica

Abbiamo un esercito di laici impegnati per il Vangelo!

Visita ad Limina dei vescovi del Costa Rica

Il Costa Rica, uno dei paesi più stabili dell’America Centrale, vive – così hanno detto i vescovi del paese durante l’incontro con il card. Farrell al Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita – un momento di trasformazione sotto molteplici punti di vista. Come in tutti gli stati della regione, sono in aumento i problemi legati alla diffusione del narcotraffico, della violenza diffusa e delle migrazioni. Tutto ciò mina la coesione sociale e finisce per indebolire anche i legami familiari che, come altrove, entrano in crisi con sempre maggiore facilità.

Sono infatti in aumento il numero delle separazioni, dei divorzi, delle unioni libere ed è sempre più difficile che i giovani compiano scelte destinate a durare “per tutta la vita”.

Di fronte a questo scenario la Chiesa costaricense ha accolto l’esortazione apostolica Amoris Laetitia come un’opportunità per rispondere in maniera nuova e non arrendevole alle sfide poste alle famiglie dalla contemporaneità. I vescovi hanno descritto un risveglio dei laici e delle famiglie del paese: “Abbiamo un esercito di laici impegnati per il Vangelo!” ha detto mons. Ulloa Rosas, vescovo di Cartago ed incaricato della conferenza episcopale per la famiglia, nell’intervista che pubblichiamo.

La Chiesa del Costa Rica si prepara inoltre – vista la prossimità geografica – a vivere la prossima Giornata Mondiale della Gioventù di Panama in maniera particolare facendo dell’evento un incontro decisivo per tutti i giovani del Centro America. “Speriamo che il calore di quell’incontro – ha detto mons. Fernández Guillén, presidente della conferenza episcopale – riscaldi anche i giovani del nostro paese.”

645c4457_32088528824_o