06 de Abril de 2020
GMG

Rinviato alla Solennità di Cristo Re il passaggio della Croce

Il Santo Padre ha annunciato la nuova data del passaggio della Croce delle GMG dai giovani panamensi a quelli di Lisbona. Questo gesto simbolico, previsto per la Domenica delle Palme, è infatti stato rimandato a causa dell’emergenza sanitaria mondiale. 

Nella sua riflessione prima della preghiera dell’Angelus, il Santo Padre si è rivolto ai giovani, che celebravano la XXXV GMG nelle loro diocesi, nella maggior parte dei casi in modalità alternative: “Oggi era previsto il passaggio della Croce dai giovani di Panamá a quelli di Lisbona. Questo gesto così suggestivo è rinviato alla domenica di Cristo Re, il 22 novembre prossimo. In attesa di quel momento, esorto voi giovani a coltivare e testimoniare la speranza, la generosità, la solidarietà di cui tutti abbiamo bisogno in questo tempo difficile”. 

Anche nell’omelia Papa Francesco ha voluto incoraggiare i giovani: “Cari amici, guardate ai veri eroi, che in questi giorni vengono alla luce: non sono quelli che hanno fama, soldi e successo, ma quelli che danno sé stessi per servire gli altri. Sentitevi chiamati a mettere in gioco la vita. Non abbiate paura di spenderla per Dio e per gli altri, ci guadagnerete! Perché la vita è un dono che si riceve donandosi. E perché la gioia più grande è dire sì all’amore, senza se e senza ma. Dire sì all’amore, senza se e senza ma. Come ha fatto Gesù per noi”.

Da anni, dopo l’edizione internazionale della GMG, la Croce e l’Icona di Maria – simboli della GMG – vengono consegnate a giovani rappresentanti della diocesi in cui si terrà la successiva edizione internazionale, durante la celebrazione della Domenica delle Palme presieduta dal Santo Padre in piazza San Pietro. 

Questa tradizione risale al 1984, quando, a conclusione dell'Anno Giubilare della Redenzione, Papa Giovanni Paolo II affidò la Croce del Giubileo ai giovani, dicendo: “Affido a voi il segno stesso di quest'Anno Giubilare: la Croce di Cristo! Portatela nel mondo, come segno dell'amore del Signore Gesù per l'umanità ed annunciate a tutti che solo in Cristo morto e risorto c'è salvezza e redenzione”. Da allora questa  croce, conosciuta oggi come la Croce dei Giovani o Croce delle GMG, è stata al centro di tutte le Giornate Mondiali della Gioventù. Dal 2003 accompagna i suoi pellegrinaggi una copia dell’Icona di Maria Salus Populi Romani, anch’essa affidata ai giovani da San Giovanni Paolo II come segno della materna presenza di Maria accanto a loro.